Scopri cosa sono i tag hreflang e come usarli correttamente

Scopri cosa sono i tag hreflang e come usarli correttamente
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 votes, average: 4.40 out of 5)

5

Loading...

Innanzitutto, di cosa si tratta? L’hreflang è una soluzione tecnica per siti web che presentano lo stesso contenuto in varie lingue, ad esempio, l’utente risiede in Francia, la pagina del sito è nella SERP in inglese, ma esiste anche una versione francese. Qual è il tuo obiettivo? Devi assicurarti che questo utente di Google visualizzi la pagina in francese. Con i tag hreflang, puoi specificare se una pagina è per i residenti statunitensi e l’altra per quelli britannici, oppure puoi creare due pagine diverse per gli utenti tedeschi e quelli austriaci, tutto questo, è esattamente lo scopo per cui è stato sviluppato l’attributo hreflang.

Prima di leggere questo articolo, consigliamo di leggere le Istruzioni di Google .

 

#1: Vediamo se hai bisogno di tag hreflang sul tuo sito web?

 

Ovviamente, questo è il passaggio più semplice di tutto il processo, ma per prendere una decisione giusta, devi considerare diverse sfumature, quindi, ne hai bisogno se:

  •  Disponi dello stesso contenuto in diverse lingue;
  • Disponi di contenuti orientati verso diverse aree geografiche, ma la lingua è sempre la stessa.

Per fare maggiore chiarezza, ecco alcuni esempi:

Esempio 1: un sito web in lingua inglese, che ha 3 differenti versioni: una per gli USA, una per il Regno Unito e l’ultima per il resto del mondo;

Esempio 2: un sito web con tre versioni di lingue internazionali: inglese, spagnolo e francese;

Esempio 3: un sito web globale, con tre versioni per diversi continenti, basato sulla lingua inglese: per Europa, Asia, Stati Uniti e Canada;

Esempio 4: un sito web con versioni in inglese e spagnolo, ma solo per gli USA;

Esempio 5: un sito web per un paese con diverse lingue native.

Se ti rispecchi in uno di questi esempi, hai sicuramente bisogno dell’attributo hreflang.

 

#2: Crea una mappa delle versioni e delle lingue del tuo sito web

 

L’attuale posizione dell’utente e le impostazioni della lingua, determinano l’URL più appropriato. L’utente può avere molte lingue nelle impostazioni del browser. L’ordine in cui queste lingue appaiono nelle impostazioni, determina la lingua più appropriata per l’utente.

La cosa migliore, è quella di creare una tabella a tre colonne:

  •  Lingua: una versione del sito web che possiede una sola lingua ed è importante non mischiare le lingue;
  • Versione del sito: puoi creare diverse versioni del sito su uno dei vari domini o su diversi sotto domini;
  • Paesi: ogni sito può mirare al pubblico di un determinato paese in tutto il mondo.

Per siti ad una lingua o per un paese, questa tabella è molto semplice. Tuttavia, per tutti gli altri, ci sono alcuni esempi più dettagliati.

 

Esempio 1: un sito web in lingua inglese, che ha 3 differenti versioni: una per gli USA, una per il Regno Unito e l’ultima per il resto del mondo.

Puoi usare diversi domini. Ad esempio, il sito per gli Stati Uniti d’America e il resto del mondo, può utilizzare domini come .com/us/ o .com/en/, mentre il sito del Regno Unito può essere ospitato su .co.uk. Infatti, non è necessario utilizzare domini diversi e la versione del Regno Unito può essere ospitata su .com/uk/, ma è un buon esempio.

 

Esempio 2: un sito web con tre versioni di lingue internazionali: inglese, spagnolo e francese.

Si tratta di un sito pensato principalmente per un’azienda presente in tutto il mondo, con diverse lingue e per paesi diversi, come SaaS o industrie simili (si noti che lo stesso dominio .com viene utilizzato per tutte e tre le versioni, ma con diverse sottodirectory).

 

Esempio 3: un sito web globale, con tre versioni per diversi continenti, basato sulla lingua inglese: per Europa, Asia, Stati Uniti e Canada.

Un sito di una sola lingue, ma con un pubblico proveniente da diversi continenti. Pertanto, ci dovrebbero essere tre opzioni diverse:

  •  Paesi in Europa: Belgio, Islanda, Germania, Austria, Svizzera, Portogallo, Repubblica Ceca, Ungheria, Danimarca, Finlandia, Regno Unito, Croazia, Italia, Lussemburgo, Francia, Norvegia, Svezia, Paesi Bassi, Polonia e altro;
  • Canada, USA;
  • Paesi in Asia: Cina, Australia, India, Giappone, Hong Kong, Nuova Zelanda, Indonesia.

 

Esempio 4: un sito web con versioni in inglese e spagnolo, ma solo per gli USA.

Questa è un’opzione per quei paesi che hanno diverse lingue di stato o ambienti multilingua e, in questo caso, dovresti considerare l’uso di un dominio specifico per paese, come https://es. e https://en.

 

Esempio 5: un sito web per un paese con diverse lingue native.

Di solito, quest’opzione viene usata dagli operatori di e-commerce (negozi online, riviste online, servizi di viaggio o di formazione e altro) in tutto il mondo. Le aziende B2B, solitamente utilizzano l’inglese per le lingue native dei paesi.

 

dominio lingua paese
.ch/fr/ Francese Svizzera
.de/ Tedesco Germania
.com.uk/ Inglese UK
.be/fr/ Francese Belgio
.ch/de/ Tedesco Svizzera
.be/nl/ Olandese Olanda

 

C’è un mix di strategie con sotto domini e sottodirectory, la cui idea è quella di mostrare quanto diverse possano essere le opzioni del sito con l’uso dei tag hreflang.

 

#3: Struttura del sito web e strategia del dominio

 

C’è una regola molto importante. Google interpreta automaticamente i contenuti su domini specifici per paese (ccTLDs) come obiettivo per utenti di un solo paese. Tuttavia, come abbiamo già sottolineato, l’attributo hreflang può essere implementato con quasi tutte le combinazioni di domini, sotto domini e sottodirectory:

  •  v gTLD (dominio generico di primo livello) si tratta di un dominio di primo livello, creato per la segmentazione degli indirizzi di risorse elettroniche di una determinata classe di organizzazioni o community;
  • v ccTLD (dominio generico di primo livello) si tratta di un dominio di primo livello dedicato a un paese specifico; ad esempio: .de per la Germania, .fe per la Francia, ecc.

Il ccTLDS è associato a un paese specifico. Al contrario, i gTLD non sono specifici per paese. Non tutti devono prendere in considerazione queste informazioni, ma per il targeting internazionale, è una cosa molto importante perché utilizzando il sotto dominio o la sottodirectory ccTLD, ci si rivolgerà al pubblico di solo paese associato al ccTLD.

Utilizzando la Google Search Console gTLD, puoi scegliere di indirizzare il contenuto ad utenti di un determinato paese. Utilizzando il ccTLD, è impossibile specificare un paese, perché è già stato scelto dal tuo ccTLD. È complicato, ma vediamo cosa possiamo fare.

Utilizzando i ccTLD, indirizzi il sito al pubblico di un paese corrispondente, ma non a quello di altri paese con il contenuto del sito web del dominio. Assicurati di creare una struttura con le opzioni di targeting come “Tutti i paese” o “Resto del mondo”, per indirizzare gli utenti ai gTLD. Che cosa significa?

Ad esempio, possiedi un sito con molte versioni per paese, ma non versioni generiche per un pubblico di altri paese, sarà dunque ragionevole aggiungere le versioni di lingua generiche sui gTLD in versioni linguistiche già create per gli utenti che si rivolgono al di fuori dei mercati per cui abbiamo creato il sito. Quindi, indicando una struttura di dominio internazionale o multilingue, possiamo facilmente definire il valore hreflang per ogni versione del sito web. Questo è qualcosa che dovresti tenere a mente.

 

#4: Il valore hreflang per ogni paese e lingua

 

  • Il valore hreflang ha un codice lingua e un codice paese, che sono separati da un trattino;
  • I codici lingua hanno il formato ISO 639-1 format, i codici paese hanno il formato ISO 3166-1 Alpha-2;
  • Il valore hreflang può essere assegnato una volta sola e quindi, non è possibile avere due versioni del sito, che sono mirate alla stessa lingua e agli utenti di uno stesso paese (ogni combinazione di lingua e paese deve essere unica);
  • Gli URL possono ricevere più valori hreflang contemporaneamente.

Ora possiamo aggiungere la quarta colonna al quinto esempio (secondo passaggio).

 

dominio lingua paese valore hreflang
.ch/fr/ Francese Svizzera de-CH
.de/ Tedesco Germania de-DE
.com.uk/ Inglese UK en-GB
.be/fr/ Francese Belgio fr-BE
.ch/de/ Tedesco Svizzera de-CH
.be/nl/ Olandese Olanda dt-NL

 

Tutte le versioni del «esempio 5» sono indirizzate ad un paese esatto, ospitato su un ccTLD, quindi, tutti ricevono un codice paese opzionale e mentre le versioni del sito web sono ospitate sui ccTLD, i codici paese non sono necessari. Perché i ccTLD vengono associati automaticamente al paese. I valori hreflang del codice paese corretto, devono ricevere sempre gli URL sui ccTLD.

 

#5: Hreflang=“x-default”

 

Questo è un valore speciale per l’attributo hreflang detto “x-default”, che specifica dove dovrebbero andare gli utenti, se nessuna delle lingue corrisponde alle impostazioni del browser nei tuoi collegamenti hreflang. Per la prima volta, questa opportunità è stata presentata per le landing page internazionali, ovvero le pagine a cui reindirizzate gli utenti, a seconda della loro posizione.

Allo stesso tempo, serve come strumento universale. Se la posizione e la lingua del pubblico non corrisponde a quella stabilita, vengono reindirizzati. Ad esempio, l’utente della Germania sta cercando qualcosa in lingua inglese, di norma, non ci sarà un URL adatto e in questi casi, viene utilizzato x-default. È stato aggiunto il quarto link risulta:

  •  De;
  • De-at;
  • De-ch;
  • X-default.

 

#6: Annotazioni hreflang

 

Le annotazioni hreflang dovrebbero essere implementate a livello URL. Pertanto, ogni set di URL di paesi o lingue diversi, riceve il proprio set di annotazioni.

1. Non tutte le pagine potrebbero esistere in tutti i luoghi e le lingue. Non dovresti usare le annotazioni hreflang per puntare a nessuna pagina esistente.

2. Hai bisogno di annotazioni hreflang solo per le pagine che desideri vengano indicizzate dai sistemi di ricerca, il che è importante da tenere a mente.

3. Gli URL non canonici non dovrebbero avere annotazioni hreflang.

La scelta delle annotazioni hreflang può essere una cosa molto complicata. La cosa più importante di cui hai bisogno, è che le pagine del tuo account siano collegate con le annotazioni hreflang ricevute.

 

#7: Metodo d’implementazione del hreflang

 

Ci sono tre metodi comuni:

1. Sitemap XML

Ci sono diversi problemi legati all’elaborazione delle informazioni in sitemap da parte di Google, perché non elabora spesso le pagine XML. Inoltre, scegliendo questo metodo, è possibile riscontrare alcuni errori nella Google Search Console.

Di solito, gli sviluppatori preferiscono utilizzare le sitemap XML per implementare il codice sorgente HTML, con ogni pagina per i siti globali (in tutto il mondo). Crediamo, che molte annotazioni hreflang creino più problemi in una sitemap XML che nella sezione dell’intestazione del codice di una pagina.

Cosa bisogna ricordare? La decisione è stata presa, ma se continui a utilizzare il metodo d’implementazione delle sitemap XML, ti consigliamo di consultare ulteriori informazioni sui consigli di Google prima di commettere alcuni errori.

2. L’intestazione HTTP di ogni pagina

Teoricamente, l’intestazione HTTP del metodo d’implementazione di ogni pagina, ha tutti i vantaggi di cui hai bisogno:

  •  Google riceve sempre le informazioni dall’intestazione HTTP, a differenza del caso delle sitemap XML;
  • È possibile impostare intestazioni HTTP per ogni URL, anche se non possiedono un proprio codice sorgente, nonché PDF e altri file non HTML.

Tuttavia, questo metodo è anche abbastanza complicato da utilizzare. Gli strumenti SEO non prestano sufficiente attenzione alle intestazioni HTTP. Pertanto, spesso causa più difficoltà che vantaggi, ma, d’altra parte, il codice da solo è abbastanza facile da scrivere ed è molto simile all’intestazione HTML.

3. La sezione dell’intestazione del codice HTML di ogni pagina

È sicuramente il metodo d’implementazione hreflang più famoso e semplice disponibile su internet. Tra gli sviluppatori, è quello maggiormente consigliato. Tuttavia, purtroppo, ci sono anche alcuni aspetti negativi che lo riguardano.

Ci può essere un problema di errore nell’usare il valore x-default per le tue pagine, quindi, se la home page del tuo sito ha lo scopo di reindirizzare il pubblico alla sua posizione o lingua del browser, è meglio usare altri due metodi d’implementazione hreflang.

Inoltre, se disponi di molte opzioni di lingua o posizione differenti, dovrai effettuare molte annotazioni hreflang, che hanno conseguenze negative. Quali? Il lungo codice aggiuntivo aumenta le dimensioni della pagina web e quindi, può rallentare il tempo di caricamento e, se non si desidera aumentare le dimensioni del sito, è consigliabile utilizzare un altro metodo. Tuttavia, c’è un’altra cosa da tenere a mente. Infatti, non sempre le dimensioni standard delle pagine web sono ottimali (a causa di diversi motivi, tra cui problemi internet di diversi paesi), quindi è qui che dovresti fare qualche ricerca per trovare l’opzione più efficiente per la tua risorsa e per i tuoi utenti.

Ci sono anche alcuni consigli importanti a cui dovresti prestare attenzione mentre lavori con l’hreflang:

  • Dovresti creare una Google Search Console per ogni opzione di posizione e lingua;
  •  Dovresti allineare la tua implementazione hreflang con le opzioni di targeting internazionali;
  •  Dovresti lanciare e risolvere tutti gli errori della Google Search Console;
  • Dovresti prestare attenzione al notevole aumento delle dimensioni delle pagine web, se non desideri infastidire gli utenti con un caricamento lento;
  • Non dimenticare di controllare le impressioni dei Google Webmaster Tools.

Ora conosci proprio tutto! L’utilizzo dell’attributo hreflang è parte integrante dell’ottimizzazione delle risorse web globali e per la corretta percezione da parte dei motori di ricerca di un’adeguata determinazione della correttezza della visualizzazione di una versione linguistica specifica per un utente specifico.

L’adempimento di questa condizione fornirà alle risorse web statistiche positive dei principali indicatori presi in considerazione dai motori di ricerca, che influiranno senz’altro sui risultati complessivi della sua promozione.

email__icon

Puoi essere il primo a sapere di nuovi articoli

Reset Password

Enter your e-mail to reset your password

Your email

Check Your Email

We have sent you a new link to change your password. Check your email and follow instructions envelope

Your password has been reset successfully!

close
conversation

Contattaci

Consulta i nostri esperti di market intelligence e scopri come beneficiare di Sitechecker.

ERROR: The Name field is empty.

ERROR: The Last Name field is empty.

ERROR: The Work Email field is empty.

ERROR: The Message field is empty.

Thank you for registration!

We are redirecting you to PayPal