Scopri che cos'è l'impaginazione e come implementarla correttamente

Scopri che cos'è l'impaginazione e come implementarla correttamente
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (34 votes, average: 4.71 out of 5)

5

Loading...
Table of Contents Sommario

Sommario

 

 

Cos’è l’impaginazione?

 

L’impaginazione è la numerazione ordinale delle pagine, che di solito si trova nella parte superiore o inferiore delle pagine del sito.

Nella maggior parte dei casi, viene utilizzata per le pagine principali e partizioni. Spesso somigliano a quanto segue:

img-border
Pprevnext implementing of pagination on Ahrefs blogimg-close

 

Esaminiamo alcuni dei potenziali problemi che si presentano durante l’uso dell’impaginazione, senza prestare attenzione a certi problemi:

 

Limita le visite dei motori di ricerca al tuo sito

Quando i motori di ricerca eseguono la scansione del tuo sito, la profondità e il numero di pagine che visitano varia, a seconda della fiducia di cui gode il sito, del tasso di aggiornamento del contenuto, ecc. E se disponi di un enorme numero di pagine impaginate, allora la probabilità che i motori di ricerca passino in rassegna tutte le pagine dell’impaginazione e dell’indice fino all’ultima pagina (buoni/articoli) viene ridotta significativamente. Inoltre, il limite sarà speso per visitare le pagine impaginate e non per visitare le pagine realmente importanti del sito.

 

Problemi con i duplicati

A seconda della struttura delle tue pagine con impaginazione, è molto probabile che alcune pagine, contengano contenuti simili o identici. Inoltre, spesso scoprirai di avere lo stesso meta tag per titolo e descrizione sul tuo sito. In questo caso, il contenuto duplicato può causare difficoltà ai motori di ricerca, quando devono determinare le pagine più rilevanti per una particolare query di ricerca.

Gli specialisti SEO, hanno già sviluppato 4 modi per risolvere questo problema.

 

Soluzione 1. Eliminazione dell’impaginazione della pagina dall’indice con l’aiuto di noindex

 

Nella maggior parte dei casi, questo metodo rappresenta una priorità e può essere implementato velocemente. Il punto principale è l’esclusione di tutte le pagine dell’impaginazione dall’indice, ad eccezione della prima.

Viene implementato in questo modo:

Il meta tag

 

<meta name="robots" content="noindex, follow" />

 

viene aggiunto alla sezione HEAD di tutte, tranne che per la prima pagina. Pertanto, escludiamo tutte le pagine dell’impaginazione dall’indice, ad eccezione della pagina principale del catalogo e allo stesso tempo, assicuriamo l’indicizzazione di tutti i prodotti/pagine che appartengono al catalogo. Presta attenzione a certe sfumature:

  • Se posizioni il testo descrittivo della pagina principale del catalogo, è comunque preferibile inserirlo solo sulla prima pagina.
  • È necessario verificare se l’URL della prima pagina non è duplicato. Ad esempio, quando l’impaginazione è implementata in questo modo:

site.com/catalog?page=2

site.com/catalog?page=3

site.com/catalog?page=N

è necessario aggiungere un collegamento alla prima pagina, nel caso in cui non si sia sulla prima pagina

site.com/catalog

e da questa pagina

site.com/catalog?page=1

il reindirizzamento 301 al site.com/catalog è stato configurato.

 

Pro

  • adatto per Yandex;
  • la soluzione meno complicata;
  • ottimo modo per escludere tutte le pagine dell’impaginazione dall’indice, se non vi è alcun motivo logico per includerle nell’indice.

 

Contro

  • sebbene risolva il potenziale problema dell’impaginazione, allo stesso tempo, escludiamo il contenuto delle pagine dall’indice;
  • se ci sono molti prodotti e non si utilizza la sitemap XML, i prodotti che si trovano in profondità nella directory verranno indicizzati per un lungo periodo.

 

Soluzione 2. “View all” e rel=”canonical”

 

Questo metodo richiede l’utilizzo di Google per creare una pagina separata “View All”, in cui vengono visualizzati tutti i prodotti/pagine del catalogo e su tutte le pagine dell’impaginazione inseriamo rel=”canonical” sulla pagina “View all”.

Implementazione di questo metodo: dopo aver creato la pagina “View all” (ad esempio: site.com/catalog/view-all.html), su tutte le pagine dell’impaginazione è necessario inserire quanto segue nella sezione HEAD:

<link rel="canonical" href="http://site.com/catalog/view-all.html" />

 

In questo modo, mostriamo ai motori di ricerca che ogni pagina dell’impaginazione, è una parte della pagina “View all”, per così dire. Google sostiene che

  • per loro questo è il metodo migliore;
  • gli utenti tendono a visualizzare l’intera categoria su una pagina contemporaneamente (sebbene questo punto sia piuttosto controverso e dipenda dalla situazione).

 

Sfumature

La pagina “View All” dovrebbe essere caricata abbastanza velocemente, meglio se entro 1-3 secondi. Pertanto, questo metodo è l’ideale per una categoria che ha un numero di pagine con impaginazione da 5 a 20 e non è adatto per le directory che hanno centinaia di pagine d’impaginazione.

 

Pro

  • metodo prioritario per Google;
  • tutti i contenuti dell’impaginazione saranno posizionati nell’indice della pagina di ricerca attraverso la pagina “View all”.

 

Contro

  • non adatto se ci sono molte pagine o molte immagini di qualità per prodotti/articoli;
  • un’implementazione piuttosto a complessa sulla maggior parte dei CMS standard.

 

Soluzione 3. Rel=”prev”/”next”

 

La nostra ultima opzione per risolvere il problema dell’impaginazione, può essere la più confusa, ma questo è probabilmente il metodo più universale per Google (Yandex non tiene conto di queste direttive). Dal momento che l’implementazione è piuttosto complicata, dovresti stare molto attento quando applichi questo metodo. Vediamo come funziona.

Ad esempio, hai 4 pagine nella directory. Utilizzando rel=”prev”/”next” in sostanza si crea una catena tra tutte le pagine in questa directory. Questa catena inizia dalla prima pagina: per questo aggiungi alla sezione HEAD:

 

<link rel="next" href="http://site.com/page2.html">

 

Per la prima pagina, questo è l’unico attributo. Per la seconda pagina, è necessario specificare sia la pagina precedente che quella seguente:

 

<link rel="prev" href="http://site.com/page1.html">
<link rel="next" href="http://site.com/page3.html">

 

Per la terza pagina facciamo la stessa cosa

 

<link rel="prev" href="http://site.com/page2.html">
<link rel="next" href="http://site.com/page4.html">

 

Quando siamo alla quarta ed ultima pagina, dovremmo specificare solo la pagina precedente della catena:

 

<link rel="prev" href="http://site.com/page3.html">

 

Utilizzando questi attributi rel=”prev”/”next”, Google unisce i dati della pagina in un singolo elemento dell’indice. Tipicamente per gli utenti, questa sarà la prima pagina, poiché di solito è la pagina più pertinente.

 

Sfumature

  • rel=”prev” e rel=”next” sono attributi ancillari per Google, non direttive;
  • sia gli URL relativi che quelli assoluti, possono essere utilizzati come valori (in base ai valori validi del tag);
  • se si specifica un riferimento nel documento, i percorsi relativi verranno determinati in base all’URL di base;
  • se Google rileva errori nel markup (ad esempio, se manca il valore atteso dell’attributo rel=”prev” o rel=”next”), l’indicizzazione della pagina e il riconoscimento del contenuto verranno eseguiti in base all’algoritmo euristico di Google;
  • bisognerebbe controllare se l’URL della prima pagina non è duplicato.

 

Pro

  • questo metodo consente di risolvere il problema dell’impaginazione senza utilizzare “View all”;
  • l’implementazione avviene solo con piccole modifiche in HTML.

 

Contro

  • questi attributi non sono presi in considerazione da Yandex;
  • l’implementazione può essere piuttosto complessa;
  • l’inserimento dei collegamenti nella catena delle pagine, dovrebbe essere fatto con molta attenzione.

 

Soluzione 4. Scrolling AJAX e Javascript

 

Probabilmente ti sei imbattuto nello scrolling continuo di merci su siti di e-commerce, dove i prodotti vengono costantemente scaricati quando scorri verso la parte inferiore dello schermo. Sebbene questa sia un’ottima opportunità per migliorare l’usabilità, questo metodo deve essere usato correttamente. È auspicabile che i prodotti non vengano caricati automaticamente durante lo scrolling. Piuttosto, aggiungi un pulsante “Mostra più elementi” sotto gli ultimi prodotti. Una buona implementazione di questo metodo, è possibile trovarla sul sito wikimart.ru, nella parte finale della directory.

 

Uso corretto dei parametri

Quando si utilizzano gli attributi rel=”prev”/”next”, le pagine con impaginazione, possono contenere parametri che non modificano il contenuto:

  • variabili di sessione;
  • graduazione;
  • modifica del numero di articoli per pagina.

In questo caso, si ottengono contenuti duplicati. Per risolvere il problema è possibile utilizzare la combinazione rel=”prev”/”next” e rel=”canonical”.

Per farlo, innanzitutto, è necessario assicurarsi che tutte le pagine d’impaginazione con rel=”prev”/”next” utilizzino lo stesso parametro. In secondo luogo, per ogni URL con un parametro, è necessario registrare la sua pagina canonica senza questo parametro.

 

Uso corretto dei filtri e rel=”prev”/”next”

Ora, diamo un’occhiata a un esempio in cui utilizziamo i parametri con cui possiamo/vogliamo distribuire contenuti unici, ed è importante per noi mantenere tali pagine filtrate nell’indice. Ad esempio, abbiamo una categoria con le sneakers e vogliamo creare landing page per la ricerca di diversi brand, utilizzando i parametri nell’URL.

 

In questo caso

  • Non è necessario utilizzare l’attributo rel = “canonical” nella categoria principale, poiché il contenuto è univoco;
  • creare per ogni brand le loro catene uniche basate sull’attributo rel=”prev”/”next”;
  • scrivere il titolo, la descrizione e il testo univoci e pertinenti per la descrizione della categoria per ciascun filtro

 

Conclusione

 

Per concludere, ecco i nostri consigli per risolvere il problema dell’impaginazione:

  • se hai la capacità tecnica di creare la pagina “View all” (tali pagine vengono caricate rapidamente e hanno dimensioni non molto grandi), puoi utilizzare questa opzione poiché Google la consiglia e Yandex comprende la direttiva rel=”canonical”;
  • ma probabilmente, nella maggior parte dei casi, l’opzione migliore è quella di associare l’uso dell’attributo rel=”next page/prev page” (Google lo comprende) e il meta tag robot=”noindex, follow” (lo comprendono sia Google che Yandex).
email__icon

Puoi essere il primo a sapere di nuovi articoli

Reset Password

Enter your e-mail to reset your password

Your email

Check Your Email

We have sent you a new link to change your password. Check your email and follow instructions envelope

Your password has been reset successfully!

close
conversation

Contattaci

Consulta i nostri esperti di market intelligence e scopri come beneficiare di Sitechecker.

ERROR: The Name field is empty.

ERROR: The Last Name field is empty.

ERROR: The Work Email field is empty.

ERROR: The Message field is empty.

Thank you for registration!

We are redirecting you to PayPal