Collegamenti Veloci

Scopri la differenza tra link follow e nofollow per il SEO

Scopri la differenza tra link follow e nofollow per il SEO

Che cos’è un link follow?

 

Per comprendere un argomento come i link follow e nofollow, dobbiamo prima approfondire il funzionamento della maggior parte delle connessioni del dominio SEO. Nel momento in cui una pagina del sito ottiene il suo link univoco, che è un collegamento ipertestuale che indica quella pagina, la pagina ottiene un aiuto SEO. Pensa a un collegamento univoco come un punto e più connessioni ha, più punti ci sono.

Google osserva questi punti, facendo attenzione al numero di backlink ci sono in una pagina e da quali esatte destinazioni. Google capisce che se molte persone si connettono a una pagina specifica, dev’essere un’ottima pagina! Se diamo un’inclinazione nei nostri strumenti di ricerca web a quella pagina rispetto alle altre di un tema simile, potremo trasmettere ai nostri clienti pagine assolutamente perfette e credibili.

Google ha creato una metrica denominata PageRank, per individuare il focus dei link. Numerose persone SEO; alludono al focus del collegamento come “link juice.” Questo si muove attraverso i siti web di destinazione e nei nuovi locali, attraverso hyperlink. Più affidabile è il sito, maggiore è il numero di link juice che il sito riceve. Ottenere una connessione dal New York Times, per esempio, o BBC è meraviglioso!

Per ora, possiamo caratterizzare un link follow – Sono collegamenti considerati punti, che spingono il juice dell’interfaccia SEO e migliorano il posizionamento dei siti web collegati, aiutandoli, di conseguenza, a finire più in alto nelle SERP.

 

Cos’è un misterioso link nofollow?

 

Un link nofollow, è una connessione che non include un punto nel supporto della pagina, non supporta PageRank e certamente, non aiuta al posizionamento della pagina nelle SERP. La vita di un link nofollow è tragica e solitaria, in qualche modo.

Una connessione nofollow è fatta di un tag HTML nofollow, che assomigli a questo:

<a href="http://www.website.com/" rel="nofollow">Link Text</a>

Il tag nofollow è fondamentalmente un segnale di avviso per gli strumenti di ricerca web, che dice “non controllare qui”.

Non è semplicemente orribile? Per quale motivo, qualcuno dovrebbe fare una cosa del genere? C’è uno scopo dietro l’attributo nofollow ed è giusto!

 

Si assume che un mondo senza nofollow, sia in realtà uno Spamalot

 

Come esaminato in precedenza, il tipo di connessioni follow più comuni, vengono utilizzate da Google per quantificare PageRank. Più collegamenti implicano più link juice, che portano ad un posizionamento più elevato delle pagine. Nel suo stato non adulterato, PageRank esiste per percepire quali sono le pagine più note (e in questo senso, probabilmente le pagine di qualità più elevata) e trasmettono le pagine migliori agli utenti.

Tutto sommato, il nostro è un mondo imperfetto e, come forse avete sentito, alcuni auto-dichiarati “specialisti” SEO, pianificano di intrappolare gli indici web e far saltare in aria le loro classifiche utilizzando tecniche black-hat, non affidabili e non etiche, e prima dell’introduzione dei link nofollow, la referenziazione di terze parti era un metodo semplice per supportare falsamente il posizionamento delle pagine.

Quando PageRank è stato trovato dai black hat SEO, l’hellfire si è rotto per sempre! Tutto ad un tratto, si trattava solo di connessioni per SEO. Altre connessioni in entrata implicavano un migliore PageRank e i SEO erano decisi a ottenere lo stesso numero di connessioni concepibili, indipendentemente dal fatto che per ottenerle, implicasse lo spamming di chiunque sul web. I commenti sui blog erano una barzelletta, carichi di spazzatura e chiacchiere di connessione.

Anche Wikipedia è diventata caotica, dal momento che le persone si sono impegnate ad includere i propri locali come riferimenti su diverse pagine di Wikipedia, tutto per l’agognato link juice.

I gruppi di blog era stressanti – questi spammer stavano rovinando qualsiasi possibilità d’incoraggiare un gruppo genuino e un discorso credible nelle riviste online. Nel 2005, Google, il cosiddetto poliziotto web, si è avventurato nella presentazione dell’attributo nofollow, tramite Matt Cutts e Jason Shellen del Blogger di Google.

 

Nofollow può diventare un tag interessante, di cui internet ha bisogno

 

La necessità dell’etichetta nofollow, include un atteggiamento inclinato e di spam, collegato di solito al SEO, ma non si può negare che non potremmo farcela senza.

Il tag di connessione link nofollow, ha fatto molte cose utili per il mondo online – la maggior parte degli spammer SEO non tenterà di presentare collegamenti non importanti su siti o post di discussione nel caso in cui sappiano che non avranno l’opportunità di pubblicare una connessione follow. Di conseguenza, WordPress assegna il link nofollow a tutte le connessioni inviate dall’utente e Wikipedia fa altrettanto per la sua area di riferimento.

Anche se lo spam con commenti sul blog continua ad esserci, l’attributo nofollow lo ha smorzato.

Come amministratore di un sito web, ti starai chiedendo quando utilizzare l’attributo nofollow. In pratica, le connessioni nofollow trovano spazio in:

  • Connessioni a pagamento (non sarebbe ragionevole acquistare link juice)
  • Commenti
  • Forum di discussione
  • Tutto ciò che Google chiama “contenuto non attendibile”.

Alcuni webmaster possono effettivamente disabilitare l’attributo di base nofollow come ricompensa per gli analisti blog, che aggiungono al gruppo di blogging o al discorso online, ma questo dipende da un individuo.

 

Dovrei semplicemente ignorare l’hype per i link nofollow?

 

Assolutamente no! Solo perché non danno valore ai link SEO; non significa che tali connessioni non siano utili. Inoltre, forniscono comunque importanti attività di riferimento.

Una semplice osservazione su un blog o un post sui social network, nofollow o no, possono inviare una gigantesca misura di attività del tuo sito web, che a quel punto può portare verso lead e conversioni!

Inoltre, i motori di ricerca, oggi prendono più in considerazione una grande quantità di variabili al di fuori del link juice e PageRank. I social sign come quelli di Twitter e Facebook, sono redditizi alla lunga, anche se sono nofollow. La chiave, sta nel produrre la tua immagine, non pensare quali link siano utili per il SEO, ma pensa a quali link sono utili per il tuo business, il tuo brand e quali connessioni possono aiutarti a diventare un’autorità del settore. Tieni presente che le connessioni creano fiducia.

Inoltre, vale la pena limitare i link a Wikipedia alcune volte. Wikipedia è eccezionalmente meticoloso nei confronti delle loro referenze, quindi sarà necessario fornire dati straordinariamente speciali e straordinari e, nel caso in cui si riesca a ottenere una connessione, sarà possibile ottenere risultati davvero interessanti, comprese altre connessioni seguite.

I collegamenti di Wikipedia, nonostante nofollow, possono persino guidare il movimento e potrebbero farti guadagnare alcune connessioni di platino lungo la strada.

 

Istruzioni per scoprire quali collegamenti sono nofollow

 

Per gli esperti di SEO, che hanno bisogno di essere cauti e devono soltanto tracciare i link nofollow, ci sono numerose estensioni scaricabili per i due browser che presentano naturalmente entrambi i tipi di connessioni nelle pagine che visiti.

Un paio per Firefox sono:

  •  SEO Quake
  • Nodofollow
  • SearchStatus

Per Chrome:

  •  NoFollow Simple

 

Istruzioni per ottenere link follow

 

Abbiamo discusso del motivo per cui i link sono imperativi, facendo poca attenzione al loro stato di nofollow/follow e potresti avere ancora bisogno di qualcuno dei seguenti.

L’approccio ideale per ottenere connessioni follow, è genuino e decente: creare contenuti unici e meravigliosi, che vengono condivisi e connessi normalmente. Diverse metodologie, comprendono il blogging, in particolare su una pagina web significativa e simile alla tua, con l’obiettivo di poter assemblare un movimento referral, nonostante il supporto SEO.

 

Take after o Nofollow: un profilo link bilanciato è la cosa migliore

 

Infine, tieni presente che hai bisogno di una buona configurazione di backlink follow e nofollow per un profilo link ideale. I primi possono dare una mano in termini di SEO, ma entrambi possono esserti utili per la tua strategia di marketing.

Controlla il tuo sito web per errori

No limits! Upgrade your account to crawl this domain